Che tempo che fa, puntata di sabato 18 maggio: Paolo Sorrentino, Carlo Verdone, Lilian Thuram e Joel Diker ospiti

Questa sera, a partire dalle 20.10, andrà in onda su RaiTre, come di consueto, l’appuntamento del sabato con Che tempo che fa, il programma condotto da Fabio Fazio. Paolo Sorrentino, Carlo Verdone, Lilian Thuram e Joel Diker saranno gli ospiti del conduttore. Il 21 maggio (in contemporanea con la partecipazione della pellicola alla 66esima edizione del Festival di Cannes), uscirà in tutte le sale italiane  il sesto lungometraggio di Paolo Sorrentino, La grande bellezza, che vede tra i suoi protagonisti anche Carlo Verdone.

Sorrentino in Italia, con i suoi film, da L’uomo in più del 2001 a This must be the place del 2011 ha vinto 13 Nastri d’Argento e 11 David di Donatello. Carlo Verdone è sicuramente uno fra i più importanti protagonisti dello scenario cinematografico italiano, ha scritto, diretto e interpretato oltre trenta film ed è stato insignito con due Globo d’Oro, tre Nastri d’Argento, nove David di Donatello (l’ultimo nel 2008 come premio speciale per i 30 anni di carriera).

Lilian Thuram, l’ex calciatore francese, il 2 maggio ha pubblicato in Italia Le mie stelle nere – Da Lucy a Barack Obama, un libro che espone le vite eccezionali di quarantacinque protagonisti della storia del mondo, tutti neri: da Lucy, la nonna dell’umanità vissuta più di tre milioni di anni fa in Africa, a Barack Obama. Joel Diker, il 22 maggio arriva nelle librerie italiane, con la traduzione di Vincenzo Vega, La verità sul caso Harry Quebert. Filippa Lagerback come di consueto presenterà gli ospiti del talk show, mentre la rubrica d’attualità con le notizie della settimana sarà realizzata da Massimo Gramellini.

Seguici e condividi!

Valentina Gambino Author

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

Comments

    Ivan Notari

    (18 maggio 2013 - 19:26)

    e, come di consueto, la presenza femminile e’ ridotta alla sola Filippa. Com’e’ possibile che autori sicuramente validi, sfiorino quasi la misoginia con una percentuale di ospiti femminili irrisoria?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *