Ballarò, puntata del 23 aprile: copertina satirica di Maurizio Crozza sul discorso di Letta – VIDEO

Anche ieri sera è andata in onda sulla terza rete di casa Rai la nuova puntata della trasmissione politica condotta da Giovanni Floris, Ballarò, che ha conquistato, nell’anteprima, 2.820.000 spettatori con share del 9.93% e 3.959.000 spettatori con share del 15.18% nel programma vero e proprio. In apertura, come ormai da tradizione, immancabile l’intervento del comico genovese Maurizio Crozza con la sua copertina satirica sui fatti della settimana ed in modo particolare sul nuovo Governo Letta. La copertina di ieri, a dir la verità, è stata più breve del solito e sin dall’inizio Crozza ha ironizzato sul discorso di Letta: “La parte migliore per me è stata senz’altro l’omelia. Mancava solo ‘Scambiatevi un segno di pace, fate questo in memoria del Pd e poi c’era tutto”.

“La cosa che mi è piaciuta di più – ha commentato il comico – è quando ha detto che tagliava lo stipendio ai ministri”, ironizzando poi sulla reazione avuta da Emma Bonino: “Aveva la stessa espressione di quella che ti viene quando vedi l’autovelox ma è tardi”. Poi, è ritornato a parlare della “forza dirompente” di Enrico Letta, “quello che fino a due settimane fa aveva il carisma di un portapacchi di una Fiat Punto”. Maurizio Crozza ha quindi fatto un po’ di metafore quasi alla Bersani per descrivere lo scarso carisma di Letta. E a proposito di quest’ultimo: “Era il vice di Bersani, l’uomo che ha sbagliato tutto. Anche il vice”.

Quasi sul finale di copertina Crozza ha citato anche il grande Gaber attualizzando la sua canzone Destra Sinistra: “Oggi Gaber canterebbe ‘cosa è divisivo, cosa non è divisivo'”. La soluzione? Per il comico potrebbe essere solo una: eliminare la sinistra. Infine, imitazione di Renato Brunetta il quale ha dimostrato di apprezzare il lavoro di Letta. A seguire, come sempre, il video della nuova copertina satirica di Maurizio Crozza.

Seguici e condividi!

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all’Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *