Questo nostro amore, la nuova fiction con Neri Marcorè e Anna Valle, da stasera su RaiUno – TRAMA e FOTO

questo-nostro-amore6

Andrà in onda questa sera, sulla prima rete Rai, la prima di sei puntate in programma della nuova fiction Questo nostro amore, coprodotta da Rai Fiction – Paypermoon Italia Srl (A.P.T) per la regia di Luca Ribuoli e con Neri Marcorè nei panni di Vittorio e Anna Valle nel ruolo di Anna. La storia narrata, è ambientata nella Torino del 1967 e narra le vicende di un amore considerato “irregolare”, ovvero quello tra un uomo già sposato, Vittorio e la sua compagna Anna. Nonostante la bellezza del loro amore, coronato anche dalla nascita di tre figlie, i due protagonisti vengono inevitabilmente emarginati e visti con occhi diversi, proprio a causa dei pregiudizi e delle arretratezze culturali dell’epoca.

Bisogna infatti attendere l’11 dicembre del 1970 prima di avere anche nel nostro Paese il divorzio nel nostro ordinamento giuridico. Nel 1967, le cose vanno ancora in un certo modo; la famiglia formata da Vittorio, Anna e le loro tre figlie, infatti, proprio nel giorno del compleanno della madre, si troverà a vivere un momento molto triste e doloroso. Il padrone di casa nella quale vivono in un paesino del Monferrato, bussa alla loro porta intimandoli a lasciare immediatamente l’appartamento. Né lui, né l’intero paese sono più intenzionati ad accoglierli.

Ogni volta che il loro “segreto” verrà scoperto, i Costa-Ferraris sono così costretti a cambiare città e ricominciare la loro vita da veri e proprio “clandestini”. La loro storia, nata e cresciuta fuori dal matrimonio in un’epoca in cui concubinato e adulterio erano considerati reati, è quindi da condannare.

La vita della coppia sarà poi destinata a complicarsi con l’arrivo in casa della madre di Anna, Alberta (Marzia Ubaldi), che detesta Vittorio perché ha rovinato la reputazione della sua famiglia. Tanto più se nell’appartamento davanti al loro, sullo stesso pianerottolo, viene ad abitare una famiglia di meridionali, siciliani, gli Strano, considerati anche loro dei “diversi”. Le storie parallele di quelle due famiglie segnate dalla diversità si intrecciano, anche sentimentalmente e anche grazie a quell’intreccio, quelle due famiglie trovano la forza di affermare la propria dignità, e di conquistare un’uguaglianza anche più ricca di quelle “normali”.

A seguire, la trama dei primi due episodi in onda questa sera su RaiUno, a partire dalle ore 21:10 circa.

Primo episodio

Gennaio 1967. I Costa: il padre Vittorio (Neri Marcorè), la madre Anna (Anna Valle) e le loro tre figlie, la diciottenne Benedetta (Aurora Ruffino), Marina (Karen Ciaurro) di dieci anni e la piccola Clara (Noemi Abbrescia), sei anni sono costretti ad andarsene dal paesino piemontese in cui vivono, cacciati dal   padrone di casa,  che ha scoperto  che Anna e Vittorio non sono sposati. Vittorio in giovanissima età si era infatti già sposato, un matrimonio brevissimo, e non ha ancora ottenuto l’annullamento.

Si trasferiscono a Torino, città natale di Anna, pensando che, in una grande città, sarà più facile passare inosservati. In realtà, anche nel condominio in cui vanno a vivere nasce presto il sospetto che non siano una coppia regolare.

Anna rivede la madre Alberta (Marzia Ubaldi), che ha sempre disapprovato la sua storia con Vittorio. Tenta una riconciliazione, ma l’incontro tra Alberta e Vittorio non fa che riaccendere i vecchi rancori. Marina, che a scuola è un piccolo genio, diventa subito il capo indiscusso dei ragazzini del cortile: supera un’audace prova di coraggio, affrontando l’ombroso Ugo Cerutti (Augusto Fornari), un condomino terrore dei bambini. Benedetta invece si sente inadeguata rispetto alle sue compagne di liceo, assai più eleganti e smaliziate di lei. Fa la conoscenza di Gisella (Vera Dragone), una giovane parrucchiera che vive nello stesso condominio. Benedetta è affascinata dall’atteggiamento disinvolto della nuova amica. Salvatore Strano (Nicola Rignanese), un operaio siciliano, sta ristrutturando l’appartamento attiguo a quello dei Costa e tra lui e Vittorio è antipatia a prima vista. Vittorio, superate le iniziali difficoltà nella ricerca di un nuovo lavoro, riesce, grazie alle sue capacità di venditore, a farsi assumere da un’azienda prestigiosa che vende nuovi modelli di radio, giradischi e tv. Alberta, simulando un’inesistente malattia, spinge la dolce Anna ad ospitarla, così la donna, con sgomento di Vittorio, si trasferisce a casa Costa.

Secondo episodio

L’amicizia con Gisella e con Maurizio (Gabriele Anagni), un compagno di classe trasgressivo, traghetta Benedetta verso la modernità. Mentre Anna comprende e solidarizza con la figlia, Vittorio assiste ai suoi cambiamenti con totale disapprovazione. Anche Anna vuole guardare avanti, vorrebbe riprendere a lavorare e partecipare al concorso magistrale: vorrebbe insegnare, ma non sa come dirlo a Vittorio. Nell’appartamento contiguo ai Costa arriva dal sud la famiglia di Salvatore, composta da Teresa (Manuela Ventura), sua moglie, e quattro figli maschi. I rapporti tra Vittorio e Salvatore non accennano a migliorare. Alberta confessa ad Anna di essere sul lastrico perché il marito, nobiluomo apparentemente integerrimo, si è rovinato al gioco e le ha lasciato soltanto un mucchio di debiti da pagare. Anna deve superare una prova ardua quando, ad una festa organizzata dalla ditta in cui Vittorio lavora, viene presentata come la moglie di Vittorio e chiamata Francesca (Debora Caprioglio),  nome di colei che, dai documenti, risulta ancora essere la signora Costa. Vittorio si rivolge ad un avvocato di grido per ottenere finalmente l’annullamento del suo precedente matrimonio e poter sposare la sua amata Anna. L’avvocato lo rassicura: Francesca, sposata quando ambedue erano giovanissimi, non si è fatta più viva da vent’anni, forse è addirittura deceduta, e l’annullamento richiederà tempi brevi. Ma Francesca, è viva, vegeta ed ha in animo di ritrovare Vittorio.

CONDIVIDICI!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

WP-SpamFree by Pole Position Marketing

-:3873