Alfonso Signorini: donne in tv? “Anche ad Annozero le collaboratrici di Santoro ingentiliscono la vista”

In questi giorni si è accesa una polemica sull’uso del corpo delle donne in televisione e le critiche hanno riguardato soprattutto le veline di Striscia la notizia.

Gad Lerner ha accusato Antonio Ricci di sfruttare il corpo femminile nel suo tg satirico, mentre l’autore televisivo ha risposto dicendo che le donne-oggetto non si vedono solo nel suo programma.

Anche Alfonso Signorini ha espresso la sua opinione in merito. Sull’ultimo numero del settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni dice che la presenza di belle donne in televisione c’è sempre stata e a tal proposito cita i casi delle gambe scoperte delle gemelle Kessler e dell’ombelico di Raffaella Carrà, nudità che per l’epoca passata hanno fatto scandalo.

Poi il direttore del Tv, Sorrisi e Canzoni scrive che come in passato anche oggi le donne “ingentiliscono” gli ambienti televisivi, anche quelli non “sospetti” come Annozero di Michele Santoro.

Le donne hanno ingentilito e continuano a ingentilire con la loro presenza anche ambiti televisivi non sospetti. Limitandoci a un discorso puramente estetico, senza nulla togliere alle capacità professionali, penso ai telegiornali, penso a Michele Santoro e ad Annozero: le sue bionde collaboratrici, dalla Granbassi alla Innocenzi, appagano anche la vista.

Alfonso Signorini asserisce che quello che conta è non essere volgari e conclude dicendo che ormai in tv ci sono anche tanti bei ragazzi.

Quel che conta è che tutto venga fatto con stile: se poi le signorine in questione dimostrano di saperci fare anche con la testa, oltreché con i balletti, tutto di guadagnato. Per giunta negli ultimi tempi non mancano neppure baldi ragazzotti che fanno contenti con la loro presenza milioni di telespettatrici. E la par condicio è salva.

Seguici e condividi!

Laura Errico Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *